RIPESCAGGI #002

Burma 2013 - Sunset on the lake Inle
Burma 2013 - Sunset on the lake Inle

GILBERT LEGRAND

Questo geniale artista francese realizza con oggetti di uso quotidiano, uniti alla sua bravura nel dipingere e ad una notevole inventiva delle opere veramente deliziose.

Un creativo niente male nel quale mi sono imbattuto per caso in rete e del  quale mi sono innamorato... (delle sue creazioni naturalmente) :-)

 

http://gilbert-legrand.com/index.html

 

Di seguito qualche sua creazione... ne metto diverse perchè mi piacciono troppo...

 

PhotoLight PRO

Mi sono comperato questo programmino per pochi eurini (6,99 per l'esattezza) che avevo visto in rete di sfuggita e mi aveva incuriosito, visto poi il prezzo non eccessivo ho fatto l'acquisto. Cosa è PhotoLight Pro? è nientepopòdimeno che un simulatore virtuale di uno studio fotografico... sti c***i mi son detto... ambiziosi i ragazzi, vediamo un pò di che cosa si tratta.

All'apertura (io ho acquistato la versione in Download per Mac ma naturalmente si può prendere la versione windows) si presenta una schermata dove è possibile scegliere il modello/a o l'oggetto da fotografare da una serie di icone.

 

 

Come vediamo possiamo scegliere tramezzi busti, figure intere sia maschili che femminili, auto, moto e chitarra. Nei mezzi busti, per l'esattezza scegliendo Male Head 2 con l'opzione gesture è possibile variare la fisionomia e il colore della pelle del nostro soggetto mentre scegliendo l'opzione con la modella femminile E-motion è possibile far compiere una serie di gesti al nostro soggetto, vedremo comunque meglio in seguito alcune di queste opzioni.

Una volta effettuata la nostra scelta entreremo nello studio virtuale vero e proprio dove potremo iniziare a posizionare le luci scegliendone fino ad un massimo di cinque.

Vediamo adesso come si presenta l'area di lavoro...

 

 

  1. SELETTORE DI FOCALE - Possiamo scegliere un intervallo tra una focale di 15 mm fino aduna focale di 412 mm semplicemente scorrendo lo slide verticale.
  2. REFLEX - Cattura un istantanea in funzione di come avremo posizionato le nostre luci e i nostri soggetti salvandola nella cartella immagini in formato Png.
  3. TAKE - Selezioniamo Take al momento in cui vogliamo realizzare lo scatto finale, se l'opzione take non è attiva ci troviamo nella modalità di configurazione EDIT.
  4. ROTAZIONE - Ruota il soggetto fino a 360° in modo orizzontale.
  5. SKIN - Permette di editare colore e tipo di pelle.
  6. STUDIO SETUP - Permette di scegliere tra due tipi di studio e vari fondali colorati.
  7. GESTURES - Attraverso il Morphing permette di cambiare espressioni facciali e fisionomia del modello (solo lavorando in modo MALE HEAD 2 come detto sopra).
  8. HOME - Ritorna alla schermata iniziale dopve possiamo scegliere altri modelli 3D.
  9. TIPS - Tasto che ci mostra le scorciatoie da tastiera più utili.
  10. ROTATE - rotazione automatica costante del nostro soggetto.
  11. DOF - Attiva la profondità di campo nella scena.
  12. TOP VIEW - Attiva la vista dall'alto.
  13. SIDE VIEW - Attiva la vista laterale.
  14. PERSPECTIVE - Attiva la vista in prospettiva.
  15. STUDIO LIGHTS - Attiva le luci di studio.
  16. RGB - Set delle luci tramite regolazione dei parametri sui canali RGB.
  17. LIGHT INTENSITY - Permette di regolare l'intensità della nostra luce.
  18. AMBIENT LIGHT - Consente la regolazione della luce ambiente.
  19. LIGHT TYPE - Selettore del tipo di lampada, possiamo scegliere tra Flash, Softbox, Ombrello e Disco Beauty.
  20. T - Seleziona il puntamento del nostro punto luce.
  21. OPTIONS - Permette di variare range, l'angolo ed eventuale flare della nostra luce.
  22. DIAFRAMMA - Permette di variare l'apertura del diaframma.
  23. ISO - Permette di variare la sensibilità ISO.
  24. CANVAZ - Fondale.

 

 

Come abbiamo detto con l'opzione GESTURES è possibile variare i parametri espressivi e la conformazione del nostro soggetto

 

GESTURES
GESTURES

 

Mentre con l'opzione SKIN è possibile modificare la pelle...

 

 

SKIN
SKIN

 

Possiamo avere sotto controllo i parametri della nostra reflex virtuale. Lente, ISO, Istogramma ed alcuni effetti in camera.

 

 

 

Nel set E-MOTION possiamo far compiere alla nostra modella dei movimenti predefiniti e farle puntare lo sguardo in un punto di attenzione che potremo posizionare a nostro piacimento...

 

 

Di seguito una serie di screenshoot con vari tipi di luci e soggetti...

 

 

Tirando le somme... per quel poco che ho potuto vedere e provare sino ad adesso il programma è divertente, ben fatto  e rende molto bene l'idea di come funzionano i vari tipi di illuminazione avendo subito a portata di mano (occhio) il risultato. L'utilizzo che mi viene in mente nell'immediato è che possiamo prepararci dei promemoria in base a dei set che possiamo provare comodamente a casa, scattarci i nostri screenshot e portarceli in studio dove poi  il posizionamento delle lampade sarà senz'altro più veloce.

 

Per neanche sette eurini direi che è divertente soprattutto per chi non ha esperienza di scatti in studio e allestimento set...

 

CASA...

La mia casa, le pareti la cui legna fresca,

tagliata da poco ancora profuma: sgangherata

casa di frontiera, che scricchiolava

a ogni passo, e fischiava con il vento bellicoso

della stagione australe, diventando elemento

della bufera, uccello sconosciuto

sotto le cui piume gelate crebbe il mio canto.

Vidi ombre, volti che come piante

crebbero intorno alle mie radici, parenti

che cantavano canzoni all'ombra di un albero

e sparavano tra i cavalli sudati,

donne nascoste nell'ombra

che proiettavano le torri maschili,

galoppi che sferzavano la luce,

rarefatte

notti di collera, cani che latravano.

Mio padre nell'alba scura

della terra, verso quali perduti arcipelaghi

fuggì sui suoi treni ululanti?

In seguito amai l'odore del carbone nel fumo

gli olii, gli assi di gelida precisione,

e il treno grave che attraversava l'inverno steso

sulla terra come un bruco orgoglioso.

All'improvviso sussultarono le porte.

È mio padre.

Lo circondano i centurioni della strada:

ferrovieri avvolti nei loro mantelli bagnati,

e con loro il vapore e la pioggia rivestirono

la casa, il tinello si riempì di racconti

rochi, i bicchieri si vuotarono,

e fino a me, da quegli esseri in cui vivevano

i dolori, come in una separata barriera,

giunsero le angosce, le accigliate

cicatrici, gli uomini senza denaro,

l'artiglio minerale della miseria.

 

P. Neruda