THE PHOTOGRAPHER OF THE WEEK #009

FABIO BUCCIARELLI

 

FABIO BUCCIARELLI

Torino, 23 ottobre 1980

 

 

Fabio Bucciarelli è un fotografo italiano, specializzato in conflitti e diritti umani.

Dal 2010 documenta i grandi cambiamenti storici avvenuti in Africa e Medio Oriente.

 

I lavori dal quale sono tratte le immagini sono i seguenti:

 

“Maiores Nostri”  un reportage realizzato nel Sudan Meridionale il cui scopo, come dice Fabio, è riscoprire la vita umana ed ancestrale, fuori di società ed in collegamento vicino con natura.

 

“Occupigezy” parla della protesta antigovernativa che ha avuto luogo in Turchia nei mesi di maggio e giugno 2013

 

“Grand refugee hotel” Mersin, Turchia. Alberghi che durante i mesi estivi sono meta di turisti Turchi ed Arabi sono il primo porto sicuro di rifugiati Siriani che abbandonano la violenza della guerra civile.

 

Per approfondire  http://www.fabiobucciarelli.com

 

THE PHOTOGRAPHER OF THE WEEK #008

SANDRA HOYN

Sandra Hoyn - 1976 Wolfenbüttel, Germania,

 

Laureatasi in fotografia all’Università di Scienze applicate ad Amburgo inizia a lavorare come fotogiornalista indipendente per alcuni periodici, e a suoi progetti personali che si concentrano soprattutto sul sociale, ambiente e problemi di diritti umani. Lavora spostandosi in vari paesi dell’Asia, Africa ed Europa.

 

Presente quest’anno al Cortona on the move festival con il suo lavoro “The login of the others” reportage sul bordello di Kandapara in Bangladesh, uno dei pochi paesi musulmani dove è legale la prostituzione.

 

Altri lavori che mi hanno colpito di Sandra sono “Boxer for a pittance” dove racconta di bambini che fin dall’età di sei anni in Thailandia si guadagnano la vita con il Muay, una delle arti marziali più dure al mondo, una lotta tra bambini per turisti e scommettitori, e  “Jenny’s soul”  dove  mostra con il suo reportage la relazione insolita tra un uomo e la sua bambola di silicone. È possibile per un essere umano per sviluppare i sentimenti per una bambola, amarla?

 

Spesso cruda ma fa riflettere... a me piace...

 

Il link al sito.

 

THE PHOTOGRAPHER OF THE WEEK #007

FEDERICO BUSONERO

 Federico Busonero - Grosseto

 

"Photographs ask us to visualize and imagine beyond what we see.

My images seek a utopian nature, human solitude, unrecorded landscapes, and sacred places.

My life is indebted to la Toscana where I was born and raised, my alma mater.

I'm beholden to the purity of Piero della Francesca and Renaissance sensibilities for spatial composition, intrinsic proportions, relations, and histories.

This realm has translated into a personal way of thinking visually and envisioning the implicit possibilities of an image.

My desire is to give images to the imageless – decaying trees in winter, organisms hidden in the deep sea, the silence within places I live."

 

Nel suo lavoro sulla Palestina commissionato dall'Unesco "The Land that Remains" Busonero  ci mostra la Palestina con sguardo critico ma obiettivo accompagnandoci con le sue immagini attraverso la storia che è stata fino a quella attuale dell'occupazione Israeliana.

Una persona con molte cose da dire... e non solo fotograficamente...

 

THE PHOTOGRAPHER OF THE WEEK #006

MAHESH BALASUBRAMANIAN

Mahesh è un Fotografo di Chennai, India.

 

 

Ama fotografare la vita di strada nel quotidiano  e la fotografia di Viaggio.

 

Uno dei suoi ritratti è stato scelto da Adobe per lo splash screen della versione di lightroom CC


E’ uno dei fotografi di viaggio che attualmente prediligo… se non lo conoscete date un occhiata al suo sito, sicuramente troverete cose molto belle e interessanti.

 

 

http://www.maheshb.com/

 

 

THE PHOTOGRAPHER OF THE WEEK #005

HEBE ROBINSON

Vive e lavora ad Oslo in Novegia.

 

Il suo progetto fotografico parte da un operazione svolta negli anni 50 dal governo norvegese che spostò gli abitanti di alcune zone sperdute nelle isole Lofoten, pagandoli e facendoli trasferire in aree urbane più centrali e abitate.

 

Sessant’anni dopo con "Echoes", la Robinson racconta ciò che resta in quei luoghi…

 

Foto vecchie in bianco e nero tornano nei luoghi dove sono state scattate, collegando passato e presente, incorniciate da recenti foto a colori recenti incastrate perfettamente.