IL SALE DELLA TERRA

 

 

“La forza di un ritratto è che in quella frazione di secondo si coglie un po' la vita della persona che si fotografa. Gli occhi raccontano molto, l'espressione del viso...”

 

 

“Quando fai un ritratto non sei solo tu che fai la foto, la persona ti offre la foto…”

 

 

Queste sono due delle frasi che possono sembrare scontate, semplicistiche per un fotografo ma ieri sera le ho sentite pronunciare da uno dei più grandi fotografi che il tempo ci ha regalato… Sebastião Salgado nel film che traccia l'itinerario artistico e umano del fotografo brasiliano dal titolo Il sale della terra.

 

 

Me lo sono goduto in questo film documentario uscito nel maggio di quest’anno.

 

Il Film, che è stato anche candidato all'Oscar come miglior documentario, è diretto magistralmente da Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado. Direi che per Wim Wenders non ci sono bisogno di presentazioni, Juliano invece, è il figlio del fotografo che dedica al padre questo documentario.

 

 

Fotografo con la effe maiuscola,  il brasiliano Sebastião Salgado nasce nel 1944 ad Aimorés, nello stato di Minas Gerais da cui parte ancora adolescente, ci mostra con i suoi scatti l’essere umano, nel suo dolore e spesso in tutta la sua cattiveria, mentre Wenders e il figlio Juliano ci raccontano lui e la sua opera partendo dall'inizio in America Latina fino agli orrori dell’Etiopia e del Ruanda, proseguendo con la scoperta di territori inesplorati e grandiosi dove ci trascina in splendidi scorci di natura selvaggia in un grande progetto fotografico, omaggio alla bellezza del pianeta che abitiamo.

 

 

Una delle cose che mi ha colpito oltre naturalmente alla bellezza delle foto, è stata la straordinaria capacità di Wim Wenders di presentare e convertire le foto in cinema, facendo scorrere spesso immagini sovrapponendo il volto di Salgado in una stupenda scala di grigio priva di distrazioni… stupendi a mio avviso i primi piani di Slagado che racconta…

 

 

Foto che arrivano dentro alle cose perché nascono dall'osservazione, dalla testimonianza umana, da chi guarda non tanto per guardare.

 

 

Da non perdere.

 

Auguri...

 

Fate che sia il vostro cuore a scegliere la meta, e la ragione a cercare la via...

 

...vi auguro di avere ciò che desiderate, ma apprezzate e fate tesoro di ciò che avete...

 

 

Pezzi #007